fbpx

LA TECNICA DI FEYMAN IN SETTE PUNTI

 

RICHARD FEYMAN E IL SUO METODO DI STUDIO

Hai mai sentito parlare di Richard Feyman?
Se sei uno studente molto probabilmente la tua risposta è si.
Quest’uomo dalla mente brillante e dalle spiccate e geniali capacità fisico-scientifiche ricevette il premio Nobel nel 1965 per la Fisica e in particolare per il lavoro svolto nell’ambito dell’Elettrodinamica Quantistica.
Cosa c’entra dirai Feyman con questo sito che tratta argomenti di memoria e apprendimento?
Ebbene, senza entrare nei meandri storici è importante sapere che Feyman nel suo  metodo di studio e ricerca si avvalse spesso del potere della visualizzazione per la comprensione dei fenomeni fisici e per la divulgazione scientifica, dimostrando così come l’apprendimento delle menti geniali è sempre passato attraverso l’uso delle immagini.
Visualizzazione e immagini rappresentano i mattoni principali della memoria e dell’apprendimento.

Fatto questo doveroso preambolo ci concentriamo in poche righe nel presentare il metodo Feyman utile ad apprendere correttamente e ricordare per molto tempo.

La tecnica Feyman

La tecnica che ci ha lasciato in eredità questo fisico brillante consiste nel saper spiegare con parole semplici quello che si è letto o studiato.
Parte dal presupposto che se hai veramente capito qualsiasi cosa allora devi essere anche in grado di spiegarla.
Come si raggiunge facilmente questo risultato?
Immagina di aver ricevuto il compito di studiare un capitolo di una materia, magari a te ostica perché devi dare un’interrogazione o un esame.
Applicando questa tecnica dovrai innanzitutto leggerti l’intero capitolo, quindi chiudere il libro e scrivere su un foglio e, contemporaneamente spiegare come se lo stessi facendo ad un amico, tutto quello che ricordi, senza riprendere il libro in mano.

Dopo questa prima fase dovrai riprendere il tuo capitolo e questa volta studiarlo concentrandoti esclusivamente sui punti che non ricordi.
Ripeti questa operazione fino a quando non sarai perfettamente padrone della materia, cioè fino a quando non avrai appreso appieno il concetto.
È inutile leggere e ripetere in continuazione, non serve a niente, fa perdere tempo e diventa frustrante.
Esercitandoti a studiare in questo modo, forse non vincerai un premio Nobel come Feyman, ma sicuramente otterrai il meraviglioso risultato di aver appreso correttamente, di poter ricordare per molto tempo e perché no, se sei uno studente, di ottenere un buon voto.

Ti riassumo per semplicità i passaggi chiave qui analizzati:

  • Leggi l’intero capitolo solo una volta,
  • Prendi un foglio e scrivi tutto quello che ricordi; 
  • Mentre scrivi cerca di spiegarlo immaginando di essere con un amico;
  • Usa parole semplici;
  • Riprendi il capitolo e ristudialo solo nei punti che non ricordi;
  • Verifica i tuoi progressi;
  • Ripeti l’operazione fin quando non avrai tutti i concetti nella mente.

VUOI IMPARARE AD IMPARARE VELOCEMENTE?

Scopri come farlo

Ti potrebbe interessare

Il potere della visualizzazione
Il linguaggio della mente
I libri di Luigi De Santis

1 commento su “LA TECNICA DI FEYMAN IN SETTE PUNTI”

  1. Articoli tutti molto interessanti e che spiegano in breve argomenti abbastanza complessi.
    Un bella iniziativa che spero l’autore continui a produrre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Open chat