fbpx

CONVERSIONE FONETICA

CONVERSIONE FONETICA

 La conversione fonetica: il fulcro delle tecniche di memoria!


conversione fonetica con i dadi
Prima di spiegarti questa favolosa tecnica di memoria (conversione fonetica) voglio raccontarti questa breve storia.

In un piccolo paesino di montagna fu indetta una gara tra tutti i boscaioli del posto.
Chi avrebbe tagliato più alberi in un’ora avrebbe vinto un bel premio.
Iniziata la gara tutti, ad eccezione di uno che chiameremo per comodità Antonio, cominciarono con determinazione e prontezza a tagliare più alberi possibili.
Antonio cominciò mezz’ora in ritardo rispetto agli altri.
Quando il tempo fu scaduto i giudici contarono gli alberi e con stupore notarono, e quindi premiarono Antonio, il quale in soli 30 minuti aveva ottenuto un risultato migliore rispetto ai restanti partecipanti alla gara.
Ovviamente si precipitarono a chiedere come avesse fatto nella metà del tempo assegnato a garantirsi quel risultato.
La risposta di Antonio fa riflettere.
Egli disse che aveva usato i primi 30 minuti per affilare la lama.

Ti ho raccontato questo aneddoto perché quello che adesso sto per insegnarti viene sempre seguito da questa obiezione: come faccio a ricordare queste informazioni?
Questa tecnica, a differenza delle altre analizzate in articoli presenti in questo sito (Tecnica dei Loci), (Tecnica del PAV) e che trovi nella Homepage implica una leggerissima difficoltà iniziale, ma ti garantisco che superata questa, la tecnica ha un potere mnemonico impressionante.

Questa tecnica prende appunto il nome di “Conversione fonetica

Questo meraviglioso sistema fu introdotto per la prima volta in Germania da Stanislaus Mink von Wessenhein e divulgato dal filosofo Leibniz.
Si base sull’associare ad ogni numero, dallo  0 al 9 dei suoni grammaticali.
A questi suoni si aggiungeranno delle vocali e diverranno delle immagini.

Adesso analizza questa tabella.
Ti aiuto anche con l’audio per avere un quadro completo.

N.SUONOLETTERAESEMPIO
1DENTALET   DThè, Dio, Atto
2NASALEN   GNNoè, Neo, Anno
3MUGOLANTEMAmo, Miao, Mio
4VIBRANTERRe, Oro, Eroe
5LIQUIDOL   GLAli, Leo, Aglio
6PALATALEC   G  (suono dolce)Ciao, Oggi
7GUTTURALECH   GH (suono duro)Ago, Oca, Occhio
8LABIODENTALEF   VUfo, Uva, Via, Uova
9LABIALEP   BApe, Boa
0SIBILANTES   SC   ZZio, Sci Ozio

Due considerazioni fondamentali.
Ad ogni numero corrisponde una lettera dove è importante, non come si scrive, ma come si pronuncia.
( il n.1 non è Ti o Di  ma T, D)
(il n.3  non è EMME ma M)

(OCCHIO è suono CH, quindi n.7)
(il numero zero è Z non ZETA)

Le consonanti doppie non si contano in quanto ci interessa la pronuncia
(ATTO  non è  il n.11 perché ci sono due T, ma è il n.1 perché le due TT si pronunciano come se fosse solo una semplice T)  (ANNO  non è il n.22, ma il n.2)

Sei in confusione totale?
Pensa ad un maratoneta che deve correre per 42 km.
Secondo te cosa gli permetterà di raggiungere il traguardo, l’iscrizione alla gara oppure i duri allenamenti che ha svolto prima della corsa ufficiale?
Credo che la risposta sia scontata.
Anche per te è indispensabile fare un piccolo sacrificio ora, imparando questi dieci abbinamenti, considerandoli il tuo personale allenamento e poi ti assicuro che arriverai in fondo alla gara, tagliando il traguardo.

Le applicazioni di questa tecnica di conversione fonetica sono incredibili; potrai ricordare a memoria, con assoluta sicurezza e senza possibilità di errore qualsiasi data, storica o di anniversari o comunque importante.
Potrai memorizzare ogni password, codice di legge o codice generale, qualsiasi giorno dell’anno o numeri di telefono, pin, puk e tantissimo altro.
Potrai ricordare inoltre appuntamenti e impegni  importanti e potrai affrontare ogni giornata che sia lavorativa o meno con la certezza di non dimenticare nulla.

Ti faccio solo un semplicissimo esempio per farti comprendere il potere di questa tecnica di memoria e la semplicità, una volta imparata la conversione numeri lettere, di applicarla dove ti serve.

Ipotizziamo che il tuo codice bancomat sia 28524 (è solo un esempio).
Applicando la tecnica della conversione fonetica, sostituisco ai numeri le relative consonanti.
2= N    8= V    5=L    2=N    4=R
Adesso aggiungo delle vocali (ognuno può usare la propria fantasia e creatività) ed ottengo due parole di senso compiuto ovvero NuVoLa NeRa.

Visualizzo nella mia mente questa immagina e quindi ogni volta che devo pagare con il bancomat immagino che sulla mia testa appaia una grossa NUVOLA NERA.
Converto le consonanti nei relativi numeri ed ho la garanzia che non dimenticherò mai il mio codice.
Inoltre non dovrò scrivermelo più da nessuna parte.

Il numero posso anche dimenticarlo, ma l’immagine che si sarà depositata nella memoria a lungo termine non la scorderò mai.
Basta effettuare la conversione numeri lettere è il gioco è fatto.
Le applicazioni sono numerose, i benefici immensi.


password bancomat

Se vuoi scoprire tutti i modi pratici per godere di questa tecnica di memoria ti esorto a leggere il mio libro
Corso completo di memoria” che amplia notevolmente questo campo con materiale ed esempi importanti.

“l’unico posto dove la parola risultato viene prima della parola sacrificio è il vocabolario”
Anonimo

Ti potrebbe interessare

memorizzare facilmente 01
Tecnica dei loci
Il metodo Feyman
memorizzare facilmente e apprendere
Raggiungi la tua meta
UNA MEMORIA PRODIGIOSA E INFALLIBILE .

Corso completo di memoria - Tecniche efficaci per potenziare la memoria

Una memoria super

Ritorna alla Home page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *