Hai mai visto una partita di calcio?
Se si, ti sarà sicuramente capitato di assistere ad una punizione battuta vicina all’area di rigore avversaria.
Quando ciò avviene il portiere prepara accuratamente una barriera umana per creare un ostacolo o rallentare il tiro del calciatore che batte la punizione.
Tante volte questo stratagemma riduce il rischio di ricevere un goal e perdere la partita.

 

barriera

Ti ho fatto questo esempio per aiutarti a capire che, inconsapevolmente ognuno di noi potrebbe, per così dire, creare una barriera tra noi e colui al quale vogliamo comunicare qualcosa.
Questo significa che il nostro interlocutore non riceverà il messaggio in maniera corretta, ma questo sarà alterato dalla barriera da noi inserita, producendo talvolta anche reazioni e sentimenti contrastanti.
Ma senza perdermi in chiacchiere ti elenco le barriere classiche che ostacolano una buona comunicazione.
Gli studi sono dello psicologo Thomas Gordon il quale ne ha individuate ben 12, ma qui le riassumo in sole quattro.

Le quattro barriere della comunicazione efficace

 

La 1° barriera della comunicazione è relativa al dare ordini e comandare, con minacce velate oltre che fare prediche e moralizzare.
Devi studiare altrimenti sarai bocciato! Io al posto tuo starei di meno sui videogiochi. Sei pigro! Guarda tizio o caio quante cose riesce a fare ed ha la tua stessa età!
Il contenuto è corretto, ma la forma genera nell’ascoltatore, di solito un figlio o un alunno un sentimento di inadeguatezza seguito spesso da rabbia, ribellione e risentimento.
Meglio una frase del tipo: Hai mai pensato alle conseguenze del non studiare? Potresti essere bocciato e perdere un anno, non ritrovarti più con i tuoi amici.
Perché non chiedi a Tizio come riesce ad organizzarsi e fare tante cose? Potrebbe darti alcuni consigli.
Sposti così l’attenzione dalla persona (TU) non facendola sentire inferiore, al problema (LO STUDIO) e induci una riflessione e magari porti chi ti sta di fronte a palesare le sue problematiche.

La 2° barriera della comunicazione riguarda l’offrire consigli e soluzioni quando non sono richiesti.
Generalmente questo è il classico errore degli uomini quando le proprie mogli o compagne si sfogano per il solo desiderio di essere ascoltate e invece l’uomo offre subito soluzioni pensando di essere d’aiuto.
Questa caratteristica maschile è ben illustrata nel mitico libro che ti consiglio di leggere “Gli uomini vengono da Marte le donne da Venere” di John Gray.
Pertanto offrire soluzioni trasmette l’idea di voler chiudere al più presto la conversazione oltre il messaggio che l’altro non sia in grado di trovarle.

La 3° barriera della comunicazione consiste nel giudicare il prossimo, cosa che mina l’autostima altrui e che sprigiona sentimenti di inadeguatezza.
Tu sei incompetente! Tu sei bugiardo! Tu sei negato, Tu sei stupido ecc. ecc.
Ovviamente l’interlocutore non avrà nessuna voglia di continuare ad ascoltare insulti e giudizi e interromperà la comunicazione.
Ricorda che di solito ogni critica e giudizio è accompagnato dal nostro indice puntato verso l’altra persona.
Se l’indice è verso l’altro, tre dita invece sono direzionate verso di noi, il che significa che prima di giudicare gli altri dovremo giudicare noi stessi e capire come ci si sente.
Bisogna sempre giudicare il comportamento di una persona, mai la persona stessa.

indice puntato è barriera della comunicazione

La  barriera della comunicazione si registra quando si minimizzano i sentimenti altrui con frasi del tipo: Non ci pensare, parliamo di cose allegre.
Se la persona che hai di fronte in quel momento desidera esternare le sue sensazioni anche se sono tristi, il buon comunicatore ascolterà rispettosamente e non minimizzerà quei sentimenti.

Ovvio che ho voluto un po’ sintetizzare il tutto, anche perché servirebbe molto tempo per illustrare nel dettaglio ogni singola barriera comunicativa, ma spero che nel complesso il messaggio sia chiaro.
Evitiamo di porre barriere alla comunicazioni con modi di fare e dire preimpostati che forse ci portiamo dietro da molto tempo.

In questo 5° capitolo abbiamo compreso che 

  • Le barriere della comunicazione vanno rimosse immediatamente;
  • Comandare, giudicare, minimizzare ostacolano la comunicazione.

Vai al cap. 4:  Come iniziare una conversazione
Segui il mio corso di comunicazione efficace dall’inizio presente in questo sito.
Clicca qui

 

Torna alla Home page